Il Genio del Palladio

Vicenza e le sue Ville

6 ‑ 7 aprile

Città d’arte di immenso valore, Vicenza unisce a una straordinaria continuità urbanistica e architettonica una grande capacità di rinnovamento, che nel Rinascimento ha toccato vertici altissimi. E fu grazie alla geniale opera di Andrea Palladio, uno dei più importanti architetti di ogni tempo, che in quegli anni questa città fu teatro di una lunga e fervida stagione di rinnovamento che la trasformò in maniera indelebile. Tanti sono i palazzi e le ville che la impreziosiscono, ma il suo monumento per eccellenza è senza dubbio la Basilica, che si affaccia maestosa su Piazza dei Signori. Dopo un lungo restauro, da alcuni anni questo grande complesso è tornato a vivere ed ospita importanti eventi culturali, attirando gli amanti della Bellezza da tutto il mondo.

gulliverone-scarica-programma

PROGRAMMA

sabato 6 aprile - Arrivo a Vicenza ed ingresso a Villa Valmarana ai Nani: a darle il nome una giocosa fila indiana di nani scolpiti in pietra, che svettano lungo il muro di cinta della proprietà e sono uno diverso dall’altro. Ma i veri protagonisti della dimora sono due giganti della pittura: Giambattista e Giandomenico Tiepolo, padre e figlio, autori dell’intenso ciclo di affreschi che inonda di colori e immagini le stanze della residenza. Ognuno col suo stile: più aulico e solenne quello di Giambattista, più vicino alla realtà quello di Giandomenico. Proseguimento per “La Rotonda”, il capolavoro indiscusso del Palladio che avremo modo di ammirare dall’esterno. La pianta centrale, imperniata su una cupola, incarna la concezione rinascimentale della perfezione e simboleggia il razionalistico dominio dell’uomo sul mondo. La perfetta simmetria dell’edificio e la posizione leggermente elevata hanno contribuito a farne il modello palladiano più noto ed imitato del mondo. Al termine della visita sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

domenica 7 aprile - Prima colazione in hotel e mattinata dedicata alla visita di Vicenza. Cuore della città è Piazza dei Signori, sulla quale prospettano il magnifico Palazzo della Ragione, noto come la Basilica, e la nobile e maestosa Loggia del Capitaniato. Dopo aver percorso Corso Palladio e dopo aver ammirato un’incredibile sequenza di facciate eccellenti, arriveremo alla Chiesa di Santa Corona, grandioso complesso domenicano, nato per custodire la reliquia della Santa Spina donata dal re di Francia Luigi IX. Tra le numerose opere d’arte che ornano cappelle e altari, e che costituiscono quasi un’antologia dell’arte veneta, ve ne sono alcune di grande spicco, come il bellissimo Battesimo di Gesù di Giovanni Bellini e l’Adorazione dei Magi di Paolo Veronese. A pochi passi si trova il Teatro Olimpico, ultimo capolavoro del grande architetto e primo teatro rinascimentale coperto, realizzato su imitazione di quelli classici. Indescrivibile è la sensazione di meraviglia che questo luogo ha suscitato in visitatori illustri del passato, da Goethe a Napoleone, e che continua a suscitare anche nel visitatore più distratto. Nel pomeriggio partenza in bus per il rientro.

gulliverone-scarica-chiama

QUOTA

Quota di partecipazione € 225,00
Supplemento doppia uso singola € 45,00
La quota comprende: Viaggio in bus
• Trattamento di mezza pensione in hotel 4 stelle
• Biglietto d’ingresso a Villa Valmarana • Servizio guida • Auricolari • Assicurazione Medica • Accompagnatore
La quota non comprende: Eventuale tassa di soggiorno
• Quanto non citato nella voce “la quota comprende”