I luoghi della Serenissima

Slovenia e Istria

28 aprile ‑ 1 maggio

La Slovenia è un Paese di antiche e nobili tradizioni: era parte dell’impero romano, poi del regno ostrogoto e alla fine dell’impero austro-ungarico. È un Paese insomma che ha tanto da raccontare, per piccolo che sia! Una superficie superiore di poco a quella del Veneto, una popolazione di due milioni di abitanti, montagne che sfiorano i tremila metri, una costa di poche decine di chilometri e piccoli borghi che ricordano gli antichi fasti della Serenissima. Eppure, quante bellezze artistiche e naturali, e quale intensità di storia e di cultura in questo fazzoletto di mondo slavo. Scopriamole!

gulliverone-scarica-programma

PROGRAMMA

domenica 28 aprile - Prima tappa sarà Capodistria, che deve il suo nome al patriarca di Aquileia che la battezzò Caput Histriae. Testimonianza del ruolo che la città ebbe come porto commerciale, sono gli edifici veneziani sparsi nell’abitato. Al centro del pittoresco intreccio di vicoli c’è la piazza intitolata a Tito, sulla quale si affacciano la Loggia quattrocentesca e l’elegante Palazzo Pretorio ornato di leoni veneziani. A pochi passi la grande Cattedrale romanica di San Nazario con il poderoso campanile, che fu usato anche come torre difensiva. Al termine proseguimento per Portorose, elegante località balneare, che deve la sua fama alle terme e al Casinò. All’arrivo sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

lunedì 29 aprile - Dopo la prima colazione partenza per Rovigno, che nacque come villaggio di pescatori ma diventò ben presto una delle città più importanti dell’Istria. Il suo centro storico, con la parata di case che danno direttamente sull’acqua, i vicoli di pietra e le viti rampicanti, è davvero affascinante. Tutto ruota intorno alla Chiesa di Sant’Eufemia, dedicata alla martire sbranata dai leoni a Costantinopoli. Dai suoi 61 metri, il campanile, una copia di quello celeberrimo di San Marco, rende il profilo del paese inconfondibile anche da lontano. Nel pomeriggio proseguimento per Parenzo, che conserva uno straordinario patrimonio artistico e monumentale che testimonia la sua lunga storia: di origine romana, fu la prima città istriana a passare ai veneziani. Antiche case e nobili palazzi di linee gotiche caratterizzano il cuore antico dell’abitato, dove sopravvivono anche resti della cinta muraria. La Basilica Eufrasiana, il più antico tempio cristiano della regione, è tra i più alti esempi dell’arte bizantina nell’Adriatico: di inestimabile valore sono i mosaici in madreperla, marmo e pietre dure, che ricordano quelli di Ravenna. Rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

martedì 30 aprile - Prima colazione in hotel e partenza per Lubiana, la più piccola capitale dell’Unione Europea. Il centro storico sembra uscito da una favola, con tanto di castello medievale arroccato su una morbida collina, edifici e chiese dai colori pastello allineati attorno al fiume che la attraversa, e suggestivi e romantici ponti fiancheggiati da salici piangenti. Nella città “nuova” colorati tocchi di architettura Art Nouveau si inseriscono fra costruzioni degli anni ’50 e ’60, e fra le strutture imponenti create dal visionario architetto Joze Plecnik, a cui si devono i colonnati del Mercato Centrale, lo scenografico Triplo Ponte, e quello del Dragone, simbolo della capitale. Rientro a Portorose e tempo a disposizione per passeggiare sul lungomare o per rilassarsi nel centro benessere dell’hotel. Cena e pernottamento.

mercoledì 1 maggio - Dopo la prima colazione partenza per Pirano, il borgo marinaro più affascinante della costa slovena: le sue case strette tra i vicoli formano sin dal Medioevo una sorta di baluardo contro la bora e le mareggiate. Nota sin dall’antichità, fu dapprima colonia romana, poi appartenne al regno di Bisanzio finché non la conquistarono i veneziani. Al dominio della Serenissima la città deve una lunga stagione di prosperità e molti dei suoi eleganti palazzi. Posta sotto la tutela delle Belle Arti, Pirano si sviluppa attorno all’ovale e scenografica piazza Tartini, dedicata al celebre violinista che qui nacque nel 1692. Nel pomeriggio partenza per il rientro in bus.

gulliverone-scarica-chiama

QUOTA

Quota di partecipazione € 630,00 Supplemento singola € 165,00
La quota comprende: Viaggio in bus
• Trattamento di mezza pensione in hotel 5 stelle • Tassa di soggiorno
• Servizio guida • Auricolari • Biglietti d’ingresso per le visite in programma
• Assicurazione Medica e Annullamento Viaggio • Accompagnatore
La quota non comprende: Quanto non citato nella voce “la quota comprende”