Navigazione sul Nilo e il Cairo

Egitto, una storia millenaria

22 ‑ 29 aprile

È davvero difficile non essere attratti dalla terra dove nacque e si sviluppò una delle più straordinarie civiltà del nostro pianeta, creatrice di miti, ma soprattutto di monumenti e di musei all’aria aperta che sembrano fatti apposta per stupire ancora oggi con le loro dimensioni gigantesche. Nel viaggio lungo il corso del Nilo da Luxor verso Assuan solcheremo le acque sempre calme del fiume, spesso costeggiando le rive dove i contadini continuano a coltivare la terra come lo hanno fatto per settemila anni; gli stessi pozzi a bilanciere e gli stessi aratri solcano i campi di legumi e di cereali mentre isole di giacinti d’acqua interrompono il riflesso delle palme che si specchiano nelle acque azzurre. L’Egitto delle campagne, dei villaggi e della tradizione sfilerà lungo il ponte della motonave: potremo rivivere gesti antichissimi che si ripetono quotidianamente e scoprire i misteri di una terra dall’enorme fascino e dai grandissimi contrasti.

gulliverone-scarica-programma

PROGRAMMA

lunedì 22 aprile - Partenza in bus per Fiumicino ed imbarco su volo di linea per Luxor. All’arrivo trasferimento in motonave, sistemazione nelle cabine riservate, cena e pernottamento.

martedì 23 aprile - Pensione completa a bordo. Giornata dedicata alla visita dei luoghi dove migliaia di anni fa sorgeva la mitica città di Tebe, che Omero definì “dalle cento porte” per la sua grandiosità. Qui oggi si trovano i templi di Luxor e Karnak, sulla riva destra del Nilo e le necropoli dei re e delle regine sulla sponda opposta. A est la vita, a ovest la morte. Luxor è uno splendido museo all’aperto, con una profusione di mura istoriate, sfingi, obelischi e statue colossali, mentre le magnifiche pitture delle tombe illustrano scene di vita quotidiana, gesta di sovrani, vittorie militari, cerimonie, offerte agli dei. Il luogo più sorprendente è la sala del complesso monumentale di Karnak, una foresta di 134 colossali colonne che si stagliano su un cielo sempre azzurro. Un viale fiancheggiato da sfingi lungo quasi tre chilometri collegava Karnak al tempio di Luxor. Attraversato il Nilo, nella “Tebe dei morti” si trova la grande necropoli della Valle dei Re e delle Regine: dalle porte tagliate nella roccia partono lunghi cunicoli che conducono a nicchie, cappelle e alla camera funeraria con il sarcofago che conteneva la mummia. Poco lontano, svettano nella campagna due grandi statue del Faraone Amenhotep III. Alte quasi venti metri e ben note nell’antichità, vennero chiamate Colossi di Memnon dandogli il nome del re etiope, accorso in aiuto di Troia e ucciso da Achille. Al termine rientro in motonave e inizio della navigazione verso Esna, con la grande chiusa da attraversare. Pernottamento a bordo.

mercoledì 24 aprile - Pensione completa a bordo. Durante la navigazione sosta a Edfu dove sorge il grande Tempio dedicato a Horus, il dio dalla testa di falco, figlio di Iside e Osiride, che di volta in volta si incarnava nel corpo del regnante. Proseguimento per Kom Ombo per ammirare il Tempio delle due divinità, l’edificio è totalmente simmetrico e ha due entrate, due sale e due santuari. Questa insolita struttura si deve al fatto che il tempio è dedicato a due dei: la parte sinistra al dio falco Haroeris e la parte destra a Sobek, il dio coccodrillo. Pernottamento a bordo.

giovedì 25 aprile - Pensione completa a bordo. Proseguimento della navigazione fino ad arrivare ad Assuan, la città più meridionale d’Egitto, che sorge sul punto più suggestivo del Nilo, dove il deserto arriva fino alla riva del fiume, costellato di piccole isole. Mattinata dedicata alla visita della Grande Diga, la colossale opera realizzata tra il 1960 e il 1971 che ha creato il bacino lungo circa 500 Km del lago Nasser. Proseguimento per il complesso templare dedicato a Iside che, dall’isola di File, è stato ricollocato a 500 metri di distanza e a 30 metri più in alto rispetto a prima, nell’isola di Agilkia: in seguito alla costruzione della Grande Diga è stato necessario spostare i monumenti che altrimenti sarebbero stati sommersi dalle acque. Nel pomeriggio escursione in feluca, tipica imbarcazione egiziana, per ammirare il suggestivo tramonto sul Nilo. Pernottamento a bordo.

venerdì 26 aprile - Prima colazione e pranzo a bordo. Possibilità di un’escursione facoltativa ad Abu Simbel, dove la civiltà egizia, con Ramses II, raggiunse la perfezione artistica. Il grandioso tempio intitolato al faraone e quello più piccolo dedicato alla leggendaria moglie Nefertari, sono di una bellezza che toglie il respiro. Nel tardo pomeriggio trasferimento all’aeroporto e partenza con volo di linea per il Cairo, trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

sabato 27 aprile - Prima colazione in hotel e mattinata dedicata alla visita del Museo Egizio, noto per l’importantissima e sterminata collezione di reperti archeologici, tra cui il prezioso tesoro della tomba di Tutankhamon, con la favolosa maschera funeraria in oro massiccio; davvero suggestiva è la Sala delle Mummie, dove ci si ritrova faccia a faccia con i grandi sovrani dell’Antico Egitto. Dopo il pranzo in ristorante, visita alla Cittadella islamica, poderosa fortezza voluta dal sultano Saladino nel XII secolo, dove troneggia l’imponente moschea di alabastro di Mohamed Ali. Da qui il panorama sui tetti del Cairo è vertiginoso: a perdita d’occhio grattacieli audaci, minareti slanciati e cupole che riflettono il periodo in cui la città era la capitale più ricca del mondo. Tempo a disposizione nel grande Bazaar di Khan el Khalili, mercato fondato alla fine del XIII secolo, dove chincaglierie in oro, argento, ottone e rame luccicano seducenti nei bugigattoli e l’aria ha l’odore acre e pungente delle spezie che strabordano da sacchi di juta. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

domenica 28 aprile - Dopo la prima colazione in hotel partenza alla volta di Menfi, prima capitale dell’Egitto, fondata nel 3100 avanti Cristo. Innumerevoli descrizioni della città ci sono pervenute attraverso testi della classicità da scrittori greci come Plutarco. La prosperità che deve aver conosciuto è testimoniata dalla grandiosità della necropoli di Saqqara, dove si può ammirare la Piramide di Zoser, una costruzione a gradoni alta 60 metri, e un’immensa distesa di tombe. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio potremo ammirare una delle sette meraviglie del mondo classico, l’unica sopravvissuta al tempo: la grande piramide di Cheope, la maggiore delle tre che svettano nella piana di Giza. Queste strutture monumentali furono costruite dai faraoni della IV dinastia dell’Antico Regno e cioè Cheope il padre, Chefren il figlio e Micerino il nipote. A sorvegliare imperturbabile la necropoli si trova la Sfinge: rappresenta l’immagine del faraone, che univa la forza ferina all’intelligenza dell’uomo. Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

lunedì 29 aprile - Prima colazione e trasferimento all’aeroporto per il volo di ritorno. Arrivo a Fiumicino e rientro in bus.

gulliverone-scarica-chiama

QUOTA

Quota di partecipazione € 1990,00 Supplemento singola € 495,00
La quota comprende:
Viaggio in bus per l’aeroporto di Fiumicino A/R
• Voli di linea Fiumicino-Luxor via Cairo e Cairo-Fiumicino
• Volo interno Assuan- Cairo • Visto consolare
• Sistemazione in cabine doppie in motonave e in camere doppie in hotel 5 stelle
• Trattamento di pensione completa dalla cena del primo giorno alla colazione dell’ultimo • Bus privato e servizio guida per l’intero tour
• Tutti gli ingressi per le visite in programma
• Assicurazione Medica e Annullamento Viaggio • Accompagnatore
La quota non comprende:
Tasse aeroportuali (€ 390,00)
• Mance (€ 40,00) • Escursione ad Abu Simbel
• Eventuali adeguamenti valutari e del costo del carburante
• Quanto non citato nella voce “la quota comprende”
Documenti: passaporto con una validità residua di 6 mesi dal rientro